Scegliere un buon nome di dominio

0
746
domain, website, blogging
Photo by mohamed_hassan on Pixabay

Con oltre 50 milioni di nomi a dominio registrati, è difficile trovare un bene fatto che sia ancora disponibile. Purtroppo l’industria dei nomi a dominio è piena di “commercianti” opportunisti che comprano e vendono nomi a dominio senza alcuna intenzione di utilizzarli. Per questo motivo, la maggior parte dei nomi di dominio registrati non ha nemmeno un sito web che li accompagni! Questo può essere abbastanza frustrante quando si cerca un nome di dominio per costruire un sito web.

domain, website, blogging
Photo by mohamed_hassan on Pixabay

Con oltre 50 milioni di nomi a dominio registrati, è difficile trovare un bene fatto che sia ancora disponibile. Purtroppo l’industria dei nomi a dominio è piena di “commercianti” opportunisti che comprano e vendono nomi a dominio senza alcuna intenzione di utilizzarli. Per questo motivo, la maggior parte dei nomi di dominio registrati non ha nemmeno un sito web che li accompagni!

Questo può essere abbastanza frustrante quando si cerca un nome di dominio per costruire un sito web. Ma alla fine della giornata, in un mondo che arriva per primo, dobbiamo cercare di trovare un altro modo per trovare quel grande nome di dominio.

Ci sono diversi strumenti che possono essere molto utili quando si tratta di cercare un nome di dominio. Parlo di questi strumenti in un altro articolo. Qui parleremo di cosa rende un buon nome di dominio.

Marchio o non marchio?

Il brading è un elemento chiave del marketing tradizionale “offline”. Avere un nome unico e accattivante fa meraviglie per qualsiasi azienda. Tuttavia, quando si tratta di una presenza online, è meglio avere un nome di dominio ricco di parole chiave.

I motori di ricerca lavorano principalmente sulle parole chiave, come forse sapete. Inserite un termine di ricerca o “parole chiave” e il motore di ricerca produce risultati in base alle loro formule e ai siti web che ritengono più adatti alla vostra ricerca.

Ora, ci sono molte tecniche di ottimizzazione dei motori di ricerca che possono essere utilizzate da chiunque su qualsiasi sito. Le stesse tecniche potrebbero essere applicate a molti siti, quindi la mia domanda è: quale potrebbe essere la 1 cosa unica che potrebbe separare un sito dall’altro? Naturalmente, i nomi di dominio!

Preferisco avere parole chiave nei nomi di dominio che possiedo, perché questo è ciò che potrebbe darmi un vantaggio sulla concorrenza. Naturalmente non è così importante se il vostro sito web è personale e non cercate di farci soldi. Ma se vendete qualcosa o volete fare soldi con il vostro sito web, vi consiglio vivamente di usare parole chiave nei vostri nomi di dominio. Per provarlo, andate su Google.com e cercate “nome di dominio”. Vedrete nei risultati che ogni occorrenza delle parole “dominio” o “nome” è in grassetto. Quindi Google sta sicuramente cercando i vostri termini di ricerca e li evidenzia per voi.

D’altra parte, il branding è ancora un concetto forte anche online. Se trovate quel nome accattivante (come ad esempio….hmmm Google?) e lo commercializzate bene, allora potreste essere sulla buona strada per il passaparola in men che non si dica!

Se la vostra ragione sociale è disponibile, registratela. È sempre possibile registrare nomi di dominio ricchi di parole chiave per attirare il traffico, e reindirizzarli al tuo nome di dominio aziendale.

Trattini o non trattini?

Un altro argomento comune di discussione è se utilizzare i trattini nei vostri nomi di dominio. Possiedo miscele di nomi sia sillabati che non sillabati. Non c’è niente di sbagliato con i trattini. Infatti, per i motori di ricerca li aiutate separando parole che potrebbero essere lette in modo diverso. Ecco un esempio: mikesmithstables.com

Questo dominio potrebbe appartenere a un allenatore di cavalli “Mike Smith”, come sito web per le sue scuderie, o potrebbe anche essere letto come “Tavole di Mike Smith”. Quindi non c’è sicuramente nulla di sbagliato nella sillabazione, in quanto aiuterebbe a distinguere dove finiscono le parole nell’esempio precedente. L’unico piccolo problema che incontrerete è la pubblicità del passaparola, dove la gente dovrà chiamare i trattini. Ma credetemi, volete che tutto il vostro traffico provenga dai motori di ricerca perché è gratuito e i volumi sono enormi.