I fondamenti dimenticati della SEO

0
566
SEO in Colorful Alphabets
Photo by Merakist on Unsplash

Ci sono molti articoli scritti su parole chiave e collegamenti, ma questo articolo è diverso. In questo articolo vi accompagno attraverso gli elementi spesso dimenticati del SEO e del buon web design. Ci sono molte parti per il SEO, ma tutti dovrebbero iniziare con un buon design SEO solido e semplice. Questo articolo è per le persone che vogliono capire quali principi del SEO dovrebbero essere presi in considerazione prima che una parola arrivi sulla pagina. Migliorate il vostro sito web da zero.

Introduzione

In primo luogo, grazie per aver trovato il tempo di visualizzare il mio e-book di consigli e suggerimenti SEO sugli aspetti spesso dimenticati della SEO. Questo libro è stato scritto a partire dalle conoscenze e dalle informazioni collettive raccolte da Chris Diprose, proprietario e manager di Kanga Internet. Kanga Internet si trova a Melbourne, Australia, e si concentra sull’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e sullo sviluppo web per il sistema di gestione dei contenuti di Joomla (CMS).

Con l’Ottimizzazione dei Motori di Ricerca ci sono molte incognite, congetture educate e conoscenze acquisite da esperienze personali e associative. Google, Yahoo e MSN tengono le loro carte vicino al petto quando si tratta di rivelare come funzionano effettivamente i loro sistemi di ranking. Raccontano alla comunità le informazioni che possono influenzare i risultati dei motori di ricerca, come possono essere migliorati e cosa fare in certe situazioni, ma soprattutto sapere cosa fare per ottenere buoni risultati si ottiene studiando e lavorando sodo. Come altri consulenti SEO, ho raccolto informazioni da varie fonti e ho lavorato costantemente per migliorare i risultati per i clienti. Sono sempre alla ricerca di nuovi modi intelligenti per migliorare i risultati dei motori di ricerca. Credo nei principi del “White Hat” (o più propriamente “Grey Hat”).

Come sviluppatore web e consulente SEO mi occupo di molti proprietari di siti web esistenti che cercano di modificare o migliorare il loro sito web. Ho anche a che fare con molte persone che stanno cercando di iniziare la loro presenza sul web con un nuovo sito web. Attraverso entrambe queste interazioni c’è spesso un tema comune, un malinteso o un atteggiamento. Io lo chiamo un malinteso della realtà, in quanto spesso la realtà di ciò che Internet può effettivamente fare per il business delle persone e di ciò che esse pensano che possa fare è molto diversa.

Spesso si presume che, semplicemente possedendo un dominio e facendo costruire e pubblicare un sito web su Internet, migliaia di persone troveranno magicamente il sito, lo visiteranno e compreranno i loro prodotti. “Se lo costruisci, arriveranno” dovrebbe essere rimosso dal vocabolario il più presto possibile se si vuole adattare l’atteggiamento alla tecnologia di ricerca sottostante. Come uomo d’affari nel mondo reale, è ovvio che non accadrebbe al di fuori dell’etere di Internet, quindi cosa c’è di così diverso online? Forse è stato il boom tecnologico di 10 anni fa che ha causato una spaccatura nella comprensione o forse il ronzio che ha causato il meteorico aumento dei prezzi delle azioni delle aziende tecnologiche, sento il pensiero del piccolo imprenditore, “sicuramente questo può essere replicato per il mio business” – in risposta direi, “beh, è improbabile, ma si dovrebbe essere in grado di ottenere alcuni risultati nel tempo”.

La cosa più importante, quando si intraprende un progetto come l’ottimizzazione per i motori di ricerca di un sito web, è sapere che è importante impegnarsi a lungo termine. Non è un compito da poco e bisogna stanziare fondi sufficienti per il progetto. Le scadenze di consegna devono essere correttamente valutate in base alle modifiche richieste, al fine di soddisfare le aspettative del cliente. I punti chiave della responsabilità del progetto SEO consistono nel sapere che ci sono grandi cambiamenti in prossimità dell’inizio e durante il setup, ma i cambiamenti non si fermano dopo il setup, ci sono continui e continui perfezionamenti del design e del sistema nel tempo. A questo proposito trovo importante gestire le aspettative e fissare obiettivi realistici a lungo termine su ciò che ci si può aspettare che un sito web raggiunga e in quali tempi tali obiettivi sperano di essere raggiunti.

Quindi, quale dovrebbe essere il suo obiettivo quando si occupa di SEO per il suo sito web? Beh, l’obiettivo di tutti è esattamente lo stesso: migliorare la classifica delle pagine, migliorare le visite e i risultati e, infine, aumentare le vendite attraverso il sito web.

Quando si tratta di SEO e di raggiungere questi obiettivi bisogna avere dei principi e il mio principio principale è: “I siti web buoni ottengono buoni voti e quelli cattivi ottengono cattivi voti o non ne ottengono affatto”. Con il passare del tempo, con il miglioramento della tecnologia dei motori di ricerca e il perfezionamento dei risultati dei motori di ricerca, questa affermazione diventa sempre più vera. Credo nei risultati attraverso i principi e le metodologie del “white hat” (si legge: “Grey Hat”).

Cosa sono i principi del “white hat”? Credo che lo paragonerei al fare le cose nel modo onesto e nel modo giusto senza rischi. Quindi sviluppare un buon sito, promuovere buoni collegamenti, avere un buon contenuto informativo e continuare a lavorare su di esso e poi si è sulla strada di una buona classifica attraverso i principi di “White Hat”.

Allora, perché dovresti fare le cose nel modo “white hat”? Beh, i motori di ricerca hanno una sorta di comprensione, un’intelligenza artificiale. Presto si accorgono di siti web che fanno spamming o che si collegano a siti web senza alcuna rilevanza e con pessimi collegamenti incrociati. Si tratta di essere intelligenti, nel lungo termine e di volere che la vostra attività cresca in modo organico, naturalmente.

Quindi come posso migliorare il mio sito e renderlo ottimizzato per i motori di ricerca in modo naturale? Bene, ecco perché sei qui! Quindi esaminiamo alcune delle cose che dovresti fare nei tuoi siti web da un punto di vista fondamentale.

Nomi di dominio

Quando scegliete un nome di dominio, sceglietene uno che sia pertinente al prodotto o al servizio che intendete fornire e che sia il più semplice possibile. Ci sono considerazioni di branding e di prodotto/servizio forniti che dovrebbero andare in questa scelta. È richiesta la comprensione del marketing personale e del prodotto, ma anche la consultazione con il vostro professionista SEO è vantaggiosa. In questo passo direi, prendetevi un po’ di tempo e scegliete saggiamente. Mantenere il tutto semplice e facile da ricordare, spesso dirlo ad alta voce renderà chiaro se può essere compreso da un uomo semplice.

E’ convinzione di molti professionisti del SEO che l’acquisto di un dominio che è più vecchio, e che è in circolazione da un po’ di tempo, significa che non sarà inscatolato da Google. Qual è l’effetto sandbox? Beh, si riferisce a ciò che Google fa a un sito web o a un dominio che è nuovo o che è relativamente sconosciuto da Google. In molti casi l’effetto Sandbox di Google relega il nuovo dominio a un’inclusione non ottimale nei risultati di ricerca. Indipendentemente dall’ottimizzazione dei siti, esso riduce la rilevanza e il ranking dei siti web al termine ricercato. Se potete utilizzare il vostro vecchio nome di dominio aziendale, allora considerate questo aspetto molto importante.

Se, tuttavia, state acquistando un nuovo nome di dominio, allora mantenetelo rilevante per il prodotto o servizio venduto o offerto sul sito web. Tienilo vicino, pertinente e semplice. La rilevanza è primaria.

Dominio specifico della località o dominio internazionale ( .com o com.au)? Personalmente penso che i dot com siano migliori, soprattutto perché si rivolgono a livello internazionale, ma se vuoi puoi tenerli specifici per la tua regione, allora considera l’acquisto di tutti i domini di livello superiore simili, yourdomain.com e yourdomain.com.au, se puoi.

Scegliere un Host

Veloce, affidabile e ti dà tutto ciò di cui hai bisogno e che vuoi. Preferibilmente dà un IP unico. Anche in questo caso alcuni professionisti del SEO credono che questo possa avere un effetto negativo anche sulle classifiche di Google, ma dalla mia esperienza a volte lo fa e a volte no. Ho avuto alcuni siti con un alto grado di PR su IP condivisi e altri quando sono passato a un nuovo IP il PR del sito è saltato, quindi questo è ancora un po’ un mistero quando si tratta di ranking di Google. Immagino che una considerazione

Considerazioni sul traffico: Quando scegliete il vostro host, assicuratevi che il piano che state seguendo possa essere ampliato in modo che ogni nuovo aumento del traffico possa essere adattato di conseguenza.

Flash

Flash è molto popolare da alcuni anni e credo che abbia il suo posto. È un ottimo modo per mostrare molti prodotti o servizi in una piccola area, ha un grande impatto visivo se fatto correttamente e può dare un buon tono amichevole al visitatore del sito web. Detto questo, odio anche il flash; può essere un incubo assoluto quando si tratta di ottimizzazione dei motori di ricerca.

Quello che dovreste sapere di flash è che non può essere letto da un motore di ricerca, perché il motore di ricerca non può leggere il testo o le immagini contenute al suo interno, né può interpretare ciò che è contenuto nelle immagini che vengono mostrate.

Quando si tratta di flash suggerirei di non far lampeggiare l’intero sito web. Se state progettando un nuovo sito web e volete usare il flash, allora usatelo in aree ad alto impatto per catturare l’attenzione del pubblico a cui siete destinati, ma usatelo con parsimonia. È importante assicurarsi che il contenuto testuale (al massimo discusso nel mio prossimo libro, generalmente di 300-500 caratteri) sia disponibile sulla pagina web e in semplice HTML.

Cornici

Molti siti web più vecchi sono stati progettati con i frame. I frame sono il punto in cui la home page principale è in realtà una pagina frameet che include diverse altre pagine. Questo rende la pagina difficile da indicizzare nei motori di ricerca e dovrebbe essere evitato. Mentre Google ora indicizza i siti con frame, è importante notare che la maggior parte degli altri principali motori di ricerca non può ancora seguire i frame link. Essi vedono solo la pagina del frameet e ignorano il resto dei frame interni. Questo ci presenta un problema di SEO perché è molto probabile che quelle pagine interne contengano le nostre parole chiave di contenuto.

Al giorno d’oggi questo non è un grosso problema in quanto è così raro che un designer utilizzi effettivamente i frame, ma il modo più semplice per risolvere il problema sarebbe quello di applicare una politica di non utilizzo dei frame.

Layout della pagina

Secondo una ricerca, Googlebot trawls le pagine web da sinistra a destra e dall’alto in basso. Quindi, dato questo piccolo dettaglio di informazioni, è chiaro che dovreste mettere le nostre parole chiave e le informazioni più preziose a sinistra e vicino all’inizio. Naturalmente questa è una dichiarazione generale e non tiene conto dei principi del design e dell’abbellimento. Basta tenerlo a mente durante la progettazione dell’impaginazione. Posizionate le parole chiave rilevanti per il vostro movimento a sinistra della pagina e vicino all’inizio.

Buona codifica HTML

Molti programmi di generazione HTML gonfiano l’HTML al punto che è 3-4 volte più grande di quello che sarebbe se lo si codificasse a mano. Mantieniti sul semplice, usa un editor di testo, modifica il tuo HTML alla vecchia maniera; fino a quando non ci sarà un generatore HTML degno di essere usato. Se non riuscite a codificare l’HTML, allora fate una ricerca su Internet e trovate un e-book decente e gratuito e imparate a farlo.

Javascript

Questo è molto popolare tra molti professionisti dello sviluppo web per menu, popup, scoller, ecc. Il mio suggerimento è di usare semplici menu HTML o il meno Javascript possibile nelle pagine web. Ci sono molti piccoli menu JavaScript che sono sottili di codice JavaScript per ridurre questo problema e renderlo quasi trascurabile. Non ingombrare troppo il tuo sito con JavaScript perché aumenta le dimensioni della pagina, i tempi di caricamento delle pagine e i motori di ricerca non lo capiranno.

Dimensioni delle immagini

Tienile piccole e usa solo quello che ti serve. Questo è essenziale per diminuire i tempi di caricamento delle pagine e ottenere informazioni sullo schermo degli utenti il più presto possibile.

Dimensioni complessive della pagina e caricamento:
La dimensione complessiva della pagina è un fattore importante. Dovrebbe essere caricata rapidamente e facilmente rintracciabile. Se avete seguito la codifica manuale HTML, avete usato un javascript minimo, avete usato un semplice layout di tabella e un buon dimensionamento delle immagini, allora dovreste essere a posto. Ci sono molte prove che supportano il fatto che Google e probabilmente anche gli altri motori di ricerca, non amano scansionare file di grandi dimensioni, quindi mantenere la dimensione complessiva della pagina HTML al di sotto dei 25k è il mio suggerimento.

URL dinamici e nomi di pagine/file

Le pagine dinamiche sono un ostacolo per il posizionamento ad alto livello dei motori di ricerca. Soprattutto quelle che finiscono in “?” o “&”. In un sito dinamico, le variabili vengono passate all’URL e la pagina viene generata in modo dinamico, spesso a partire da informazioni memorizzate in un database, come avviene in molti siti di e-commerce. Le normali pagine .html sono statiche – sono codificate in modo rigido, le loro informazioni non cambiano e non ci sono caratteri “?” o “&” nell’URL.

Le pagine con URL dinamici sono presenti in diversi motori, in particolare Google e AltaVista, anche se pubblicamente AltaVista sostiene che il loro spider non strisciano gli URL dinamici. Per uno spider un “?” rappresenta un mare di possibilità infinite – alcune pagine possono generare automaticamente un numero potenzialmente enorme di URL, intrappolando lo spider in un ciclo praticamente infinito.

Come regola generale, i motori di ricerca non indicizzano correttamente i documenti che:
– contengono un “?” o “&”
– Terminare con i seguenti tipi di documento: .cfm, .asp, .shtml, .php, .stm, .jsp, .cgi, .pl
– Potrebbe potenzialmente generare un gran numero di URL.
Per evitare complicazioni, considerate la possibilità di creare pagine statiche ogni volta che è possibile, magari utilizzando il database per aggiornare le pagine, non per generarle al volo.

Pensieri leggermente fuori tema

Gli argomenti trattati in questa sezione non sono considerati argomenti completamente SEO, ma in termini di obiettivo generale – aumentare le vendite, questa sezione è molto importante. Prendete in considerazione queste cose, prendetele in considerazione, consultate il vostro designer e il vostro team di marketing. Fate scelte educate e informate su questi argomenti quando considerate il vostro pubblico e quali sono gli obiettivi del vostro sito web.

Dimensioni dello schermo

Oltre il 65% di tutti gli schermi del mondo sono impostati per funzionare alla risoluzione superiore ai 1024×768. Della percentuale rimanente, il 13% funziona a 800×600, il 20% a dimensioni maggiori e il 2% non è noto. Quindi questo influenza il modo in cui si progetta. Sarebbe un mio suggerimento progettare sempre per il più piccolo utente che visita il vostro sito, ma spesso trovo che 800×600 sia restrittivo, quindi tendo a progettare per schermi leggermente più grandi. Non abbastanza grande da far arrabbiare un utente 800×600, ma abbastanza grande da farlo apparire bene anche su schermi più grandi. Valuto il mio target di utenti, la quantità di contenuti che intendo raggiungere e trovo un buon mezzo di comunicazione. Generalmente progetto per 1000×620 in quanto questa è la quantità perfetta di immobili per un utente 1024×768 quando ha la barra superiore del browser e la barra di stato e la barra delle applicazioni di Windows.

colori e temi

Un aspetto importante del marketing – la vendita – è l’uso del colore. I significati sono attaccati ai colori nello stesso modo in cui i significati sono attaccati alle parole.

– L’oro è il colore della ricchezza e della prosperità.
– Il bianco è il colore della pura innocenza e della pulizia.
– Il rosa è il colore della femminilità e della morbidezza.
– Il verde è il colore delle cose naturali e della freschezza.
– Il rosso è il colore del pericolo e dello stress.
– Il blu è il colore della calma, dell’intelligenza. La maggior parte del mondo sceglie il blu come colore preferito. Spesso rappresenta la “fiducia”.

L’uso del colore per stabilire un’immagine o un marchio è comune nella comunità di marketing, ma quando si visitano i siti web di molti professionisti dell’ottimizzazione sui motori di ricerca, è ovvio che il significato del colore non ha alcun ruolo nella loro ottimizzazione web. Alcuni dei colori che ho trovato sui siti web SEO:
– Baby Blue, un colore che implica debolezza.
– Rosso, un colore che implica rischio, o pericolo.
– Arancione, un colore che implica un’allegra “leggerezza”. L’arancione è uno dei colori meno preferiti dagli americani.

Anche se la selezione dei colori è fuori tema per il SEO lo considererei un fattore molto importante in ciò che il SEO sta cercando di ottenere, alla fine, per il vostro sito web – vendere più prodotti, creare fedeltà al vostro marchio e l’impatto sui clienti. la ricerca dei colori è qualcosa che dovreste considerare seriamente. Riassumendo le scelte di colore, vi suggerirei di studiare e imparare di più sui vostri clienti, di ricercare le scelte di colore e la loro rilevanza per i vostri prodotti di base e di fare scelte informate su di essi in collaborazione. In caso di dubbio, suggerisco di attenersi a colori sicuri e affidabili all’interno di design sicuri e piacevoli per gli occhi.

Regali per loghi e jpg per le immagini:
Assicuratevi di utilizzare le gif per i loghi e gli sfondi e le jpg per le foto sul vostro sito web. Questo aiuta a ridurre le dimensioni e a migliorare la chiarezza del sito web nel suo complesso.

Browser

È di vitale importanza assicurarsi che la vostra pagina web funzioni sia in IE, Firefox e Opera. Anche testare altri browser è un vantaggio, ma questi sono i tre principali in uso al giorno d’oggi (2007). Penso che citare le statistiche sul guasto del browser sia irrilevante, in quanto è necessario che funzioni in tutti i browser. La conformità incrociata dei browser del W3C è ottima per questo.

Quindi, questo ci porta alla fine del Volume 1: Fondamenti del SEO Web Design. Ci sono molte cose da considerare quando si progetta un sito web o si modifica un sito web per renderlo più SEO friendly. Chiaramente mi è rimasto qualche volume in più in SEO per i siti web.